Marzo 10

4 comments

Digerire e assimilare: ritroviamo l’equilibrio con il Movimento Arcaico

By Sara Massone

Marzo 10, 2017


[vc_row][vc_column width=”1/4″][vc_single_image image=”9279″ img_size=”full” alignment=”right”][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_column_text]
La digestione si compone di diversi passaggi: la bocca tritura il cibo, lo stomaco elabora e trasforma e l’intestino sceglie cosa tenere e cosa lasciare.

Digerire è lasciare entrare qualcosa, accoglierla e accettarla, elaborarla e trasformare ciò che ci serve in parti di noi mentre ciò che non ci serve può essere lasciato andare. Nella mia pratica quotidiana di integrazione tra il lavoro di nutrizionista e l’attenzione al corpo e al movimento mi sono accorta dell’importanza di recuperare alcuni atti motori per ripristinare la funzionalità di alcuni organi. In particolar modo la spinta è l’archetipo fondamentale per rimettere in equilibrio l’intestino e l’atto della digestione.

Assimilare significa scegliere cosa tenere e cosa lasciare andare. Pensa all’importanza di abbracciare ciò che desideri avere con te e di spingere via quello che non ti va. Nella mia esperienza, quando impari a farlo seguendo la tua reale inclinazione, il tuo intestino ricomincia a funzionare.

Ci sono diverse disfunzioni riscontrabili nella vita di tutti i giorni: c’è chi tende a trattenere tutto e chi non tiene niente, chi si intossica e chi non assimila, chi non spinge e chi non abbraccia. Recuperare questi gesti è per me passaggio essenziale per tornare in equilibrio, riesplorare entrambe le opzioni e concedersi di scegliere quale utilizzare in ogni momento, a seconda del ruolo e della situazione che stiamo vivendo.

Il cambiamento che passa attraverso queste acquisizioni è molto più profondo e significativo di quanto non sia quello di chi utilizza presidi farmaceutici o integratori. La disfunzione deriva sempre da situazioni preesistenti determinate da motivazioni importanti per il nostro organismo. Il nostro corpo, dotato di un’incredibile forza di auto conservazione, tenderà a funzionare in quello stesso modo finchè non riusciamo a fare un’esperienza diversa che ci permetta di verificare che possiamo funzionare anche in un altro.

Possiamo quindi porci alcune domande per capire da cosa deriva il nostro disequilibrio intestinale: sai scegliere se assimilare o buttare? Tu chi sei? Chi vorresti essere? Riesci a proteggere il tuo spazio vitale allontanando ciò che non vuoi e assimilando ciò che più desideri?

Ognuno ha la sua storia e le sue ragioni e una colite o una stitichezza cronica possono avere due vissuti completamente diversi; ma attraverso l’ascolto delle tue parole, l’osservazione della tua forma e il recupero di tutti i tuoi movimenti, l’intestino può tornare a funzionare nel migliore di modi.

Sara Massone, nutrizionista, biologa molecolare, esperta di psiconeuroendocrinoimmunologia e di Movimento Arcaico.

 


 

Riflettiamo insieme con le ottime domande consigliate nei commenti qui sotto 🙂
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Sara Massone

About the author

Biologa Nutrizionista

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

    1. grazie Sara, articolo per me illuminante.. interessandomi di Leggi Biologiche avevo già una certa idea del collegamento tra funzioni fisiologiche e sfera esistenziale, anche se relativamente al mio problema ho avuto fino ad ora resistenze a occuparmene a fondo per un cambiamento reale.. ma lo spunto che mi offri tu era il pezzo che mi mancava: oltre ad essere incisivo nella chiarezza dei concetti, è motivante!
      anche a me interessa il tema “lasciare andare”. molto.
      grazie ancora 🙂

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Direct Your Visitors to a Clear Action at the Bottom of the Page