Quali differenze ti vengono in mente fra allenarsi in una palestra o in un parco? Hai mai riflettuto su quanto l’ambiente che ti circonda influenzi la qualità e la varietà del tuo movimento?

Se ci pensi bene in un metro quadro di natura ci sono mille volte più stimoli che in una palestra ben attrezzata, e di conseguenza anche tutti gli adattamenti che il tuo corpo fa in relazione all’ambiente naturale portano a benefici mille volte superiori.

Guarda e ascolta con attenzione questo video per comprendere quando sia importante per il tuo organismo la relazione con l’ambiente che ti circonda:

Che esperienze personali ti son venute in mente? Che differenze hai percepito in te muovendoti in un ambiente naturale invece che le solite quattro mura?

Lascia un commento qui sotto per continuare a discuterne insieme 🙂

13 commenti

  1. Ciao, sono d’accordo e convinto del contenuto del video ma chiedo:
    come fare attività fisica in mezzo alla natura nella stagione invernale quando il freddo è un deterrente decisivo?
    E poi:
    Quali ambienti scegliere se per esempio non si ha la fortuna di abitare vicino a un bosco, un torrente, un fiume?
    E quali esercizi sono più adatti al nostro corpo arcaico?
    Quanto tempo di esercizio giirnaliero è sufficiente dedicare al proprio corpo?

    • Ciao Roberto!
      Al giorno d’oggi grazie all’abbigliamento tecnico si può stare esposti anche a lungo a temperature molto basse senza nessun problema, personalomente non lo utilizzo perchè, se mi muovo con un minimo di intensità, mi fa troppo caldo anche se fuori siamo ben sotto lo zero.
      Se non puoi andare fuori città va benissimo il parco sotto casa, se non riuesci a raggiungere un po’ di natura ogni tanto, valuta di cambiare indirizzo ;- )

  2. Il freddo lo si può considerare come uno stimolo allenante in più in quanto l’organismo si dovrà adattare alle basse temperature migliorando la capacità di termoregolazione… il confort ci ha rammolliti!! più lo stimolo è intenso e critico maggiori sono le risorse che abbiamo l’occasione di smuovere.. viva la natura.

  3. Fare attività fisica all’aperto è molto più bello che farla in palestra proprio per via del contatto con la natura. Quando vado a correre all’aperto mi trovo bene ma c’è un problema: l’inquinamento, il fumo delle auto mi rovina il momento.

    • Ciao Roberto,
      allontanati più possibile dalle fonti di inquinamento più immediate, ma tieni presente anche che spesso l’inquinamento al chiuso è peggio di quello all’aperto.

  4. Da sempre per me il freddo è il nemico numero 1. Ho patito il freddo più degli altri fin da quando ero bambina e mi sono rassegnata a questa debolezza fisiologica. Tuttavia se c’è una cosa che mi aiuta a scaldarmi da dentro è proprio il movimento all’ aperto. Basta coprirmi bene e continuare a muovermi senza lasciarmi raffreddare e finalmente ho la sensazione che funzioni tutto bene. Basta avere la possibilità di una doccia calda e di un posto riscaldato dopo la pratica. È un falso problema il freddo, e detto da me credetemi è un’affermazione forte! L’ossigeno e gli stimoli della natura fanno sentire più vivi ed attivano anche gli organismi pigri come il mio. E un parco in periferia può essere sufficiente in mancanza d’altro.

    • Per ovvi motivi ambientali l’azione motoria, in contesti differenti, si esprime diversamente anche qual’ora si ricercasse lo stesso movimento.
      Di nuovo non proponiamo assolutamente nulla, se proponessi cose nuove non utilizzerei aggettivi come “archetipico”, “primordiale”, “arcaico” o “primitivo”… forse le modalità che propongo per sviluppare, contattare, e implementare tutto ciò che è Archeo nella vita di tutti i giorni sono innovative, ma solo in quanto adattate al contesto sociculturale odierno… in realtà l’essere umano l’ha sempre fatto.
      Se ti interessano proposte di cose nuove ti suggerisco di seguire altri canali.

  5. Nella società moderna non si può parlare di archetipico, primordiale, arcaico, o primitivo perché anche se il DNA e sempre quello è cambiato il modo di vivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia il commento